domenica 29 marzo 2009

mi sanguinano le gengive e i miei capelli sono troppo sottili.
i miei occhi sono tondi e castani, e nessuno li vede.
avrei voluto essere una di quelle ragazze con in faccia un neo speciale e le labbra rosse. un bel neo alla Marilyn e un rossetto della maybelline.
vorrei scavalcare tutti gli standard e poi distruggerli.
distruggerli con il mio naso storto e i miei occhi marroni.
il lobo del mio orecchio presenta un carattere recessivo, ma nessuno l'ha mai notato; sono come un occhio verde velato da una lente scura.
la bellezza non ha nè forma nè colore, si veste di standard.
vi prego, datemi un posto nuovo, delle note nuove, guardatemi con occhi vuoti!

lunedì 23 marzo 2009

insomma, indossare un piumino rende così goffi.
ho sempre odiato i piumini, ho sempre odiato l'inverno.

mi sono scolata 180ml di Vicks Tosse e ora o divento Dio, o muoio.

domenica 22 marzo 2009


oh, sono così maledettamente astemia.
oh, non ho bisogno di spendere più di 10 euro perchè tutto diventi easy.

il bello, però, è che non ne ho bisogno.
easy = boring.

oh, ho tastato le tette alla libertà, oggi 21 marzo 2009.

domenica 15 marzo 2009

ragazzi, gli ultimi tre giorni sono stati i tre giorni in cui ho capito di non essere davvero indifferente nei riguardi di ogni essere vivente.

Ciao, mi chiamo N e sono un'imparanoiata.
Ciao, mi chiamo N e solo a volte so godermi la vita.

il problema sono io o sei tu? siete voi?
il problema sono i luoghi comuni.

mercoledì 11 marzo 2009

brutta originale.


e stasera volevo andare a vedere i Portugal al Diagonal, ma, udite udite,
me ne sono dimenticata.
mi sono dimenticata di un concerto!
è preoccupante.
mi ha dovuto chiamare James Turner per ricordarmelo, ma era già troppo tardi.

domani mattina,
oppure stanotte, (preferisci l'inizio o la fine?)
parto per Castel del Monte (Puglia) e non so se tornerò viva o no.

vorrei un paio di occhiali alla moda, la moda vera.
vorrei gli occhi che vanno all'insù, magari anche il naso.

certe cose mi sembrano così effettivamente il correlato ontologico della perfezione che non riesco a concepire che non vengano considerate tali da ogni essere vivente presente sulla terra.
questa cosa ogni tanto mi distrugge, spezza ogni mia convinzione.
la relatività, che tanto amo, mi uccide.
mi accontenterò di essere una brutta originale.

venerdì 6 marzo 2009

voglio un paio di creeper,
voglio un paio di orecchie nuove,
voglio un pò di perspicacia.

un paio di amiche del cuore,
un cinema pieno di gente,
un film del cazzo.

un letto e un motorino.

com'è che dite voi? ti amo?
ok, ti amo.

non posso sempre sembrare interessante a tutti.

giovedì 5 marzo 2009

no sentimenti. stronzate new age?


"Ho fatto finta di pensarti come ad una conchiglia ancora chiusa, inviolata dai capricci del mare.
e poi ho pregato gli dei che non esistono di strapparti ai rimedi che fingi di attuare per incastrare insieme le frasi di una canzone senza note in cui dici che non ci sarebbero state stelle in cielo quella notte perchè Dio le avrebbe conservate per una notte migliore.
ho pensato a quanto sarebbe stato bello avere avuto un cane da portare fuori a pisciare.

Non so niente, ma so che col tempo cadono anche le stelle. lo so.

sono tornata e ho fatto finta di riordinare casa sistemando a caso le cose quasi come se fosse davvero la mia casa. e non immagini la pena di trovare il tuo cuore-aquilone impigliato tra i rami di un albero spoglio che spera ancora in un soffio di vento...io non sono la stella cadente che si ferma a guardarti precipitare nel vuoto, ma continuo a pensarti come una conchiglia ancora chiusa, inviolata dai capricci del mare..."

ho pensato a quanto serebbe bello e brutto avere quello che si vuole e non si vuole allo stesso tempo.
ho pensato a quanto sarebbe bello e brutto averlo adesso.
mi sono resa conto che ce l'ho.

domenica 1 marzo 2009

apatia e freddo.

apatia e freddo della domenica mattina.

la domenica che ti stringe in una morsa e non riesci a respirare.
torni poi a prendere aria il lunedì,
ma il troppo ossigeno ti fa male alla testa.

apatia della domenica:
ti uccide.